'Ndrangheta, decine perquisizioni in inchiesta su frodi a fisco nel Nord e in Calabria

mercoledì 13 febbraio 2013 14:57
 

ROMA (Reuters) - La Guardia di Finanza ha compiuto oggi "decine di perquisizioni" in quattro regioni nelle sedi di società edili e di trasporto, nell'ambito di un'inchiesta su presunte frodi fiscali che servivano a creare fondi neri per attività criminali legate alla 'ndrangheta.

Un comunicato della Gdf di Cremona precisa che sono state denunciate sette persone per usura e frode fiscale con "l'aggravante speciale di aver operato con la finalità di agevolare un'associazione di stampo mafioso".

Le perquisizioni, spiegano le Fiamme gialle, sono avvenute questa mattina in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Calabria.

L'indagine, coordinata dalla Procura nazionale antimafia e dalla Dda di Bologna, "mira a smascherare fenomeni di criminalità organizzata di matrice 'ndranghetista con base nella provincia di Reggio Emilia, riconducibili a importanti imprenditori calabresi da tempo stabilitisi in Emilia Romagna".

Gli inquirenti, studiando la provenienza delle somme utilizzate dagli usurai, avrebbero scoperto una rete di imprese "coinvolte in un vasto sistema di fatture per operazioni inesistenti il cui scopo era quello di creare liquidità sottraendola al fisco per impiegarla nella concessione di prestiti ad aziende emiliane in difficoltà finanziarie, si ritiene anche allo scopo di assumerne il controllo".

Gli imprenditori in questione, dicono i militari, erano in contatto con esponenti di cosche calabresi.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia