12 febbraio 2013 / 07:09 / 5 anni fa

Finmeccanica, Orsi in carcere per presunta corruzione in commessa indiana

di Emilio Parodi

Il presidente e amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi, arrestato oggi, in una foto del 18 dicembre scorso. REUTERS/Remo Casilli

BUSTO ARSIZIO (Reuters) - L‘amministratore delegato e presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi è stato arrestato stamani nell‘ambito dell‘inchiesta della procura di Busto Arsizio che ipotizza il reato di corruzione internazionale per la vendita di 12 elicotteri all‘India, quando era ai vertici di AgustaWestland.

L‘arresto si è reso necessario per il rischio di inquinamento probatorio e di reiterazione del reato, secondo quanto emerge dall‘ordinanza firmata dal gip Luca Labianca, visionata da Reuters.

Oltre alla custodia cautelare per Orsi, che si trova nel carcere di Busto Arsizio, il gip ha disposto gli arresti domiciliari per l‘AD di AgustaWestland Bruno Spagnolini, per il mediatore svizzero Guido Ralph Haschke, e per un altro cittadino elvetico, Carlo Gerosa, socio di Haschke. Per gli ultimi due tecnicamente si è in attesa della richiesta di estradizione da parte di magistrati.

Fonti dei carabinieri hanno riferito che sono state effettuate perquisizioni negli uffici Finmeccanica di Galleria San Babila a Milano e presso un avvocato di Cornaredo, nella provincia milanese. Altre perquisizioni sono state fatte nella casa di Orsi a Sesto Calende e nella sede di AgustaWestland a Casorate, secondo fonti legali.

L‘inchiesta riguarda presunte tangenti per un contratto da 560 milioni di euro del 2010, relativo alla vendita di 12 elicotteri AgustaWestland, controllata da Finmeccanica, destinati al trasporto dei leader politici indiani. Tre dei 12 elicotteri sono già stati consegnati, come riferito da fonti indiane e confermato dal legale di Orsi, Ennio Amodio, secondo il quale il provvedimento di oggi è “devastante” e “sorprendente perché non c‘è traccia di profitto” per l‘AD.

Un alto funzionario dell‘aviazione indiana ha precisato che altri tre elicotteri dovrebbero essere consegnati entro metà anno, e la parte restante entro il primo trimestre del 2014. Ma secondo una fonte ministeriale indiana c‘è il rischio di una sospensione del contratto.

Anche l‘India ha fatto sapere che è stata aperta un‘inchiesta sul presunto pagamento di tangenti per circa 550mila euro nell‘ambito del contratto.

MONTI: GOVERNO AFFRONTERA’ PROBLEMA GOVERNANCE

In una nota, Finmeccanica ha espresso solidarietà ad Orsi, auspicando che “venga fatta chiarezza in tempi brevi, ribadendo fiducia nell‘operato della magistratura”.

La società ha inoltre confermato “l‘ordinata prosecuzione dell‘attività gestionale e il proseguimento delle iniziative in corso”.

Anche AgustaWestland ha espresso il suo sostegno a Orsi e Spagnolini, confermando la propria fiducia nei giudici.

Il presidente del Consiglio Mario Monti ha detto che il governo - azionista di riferimento del gruppo aerospaziale con il 32,4% del capitale - intende risolvere il vuoto di potere creatosi all‘interno dell‘azienda con gli arresti.

“C‘è un problema relativo alla governance che affronteremo”, ha detto Monti durante la trasmissione Unomattina, su RaiUno.

Secondo fonti politiche vicino alla situazione, una delle soluzioni su cui si sta lavorando prevede che il Tesoro indichi il socio anziano del cda, l‘ammiraglio Guido Venturoni, come vice presidente e che il consiglio affidi maggiori deleghe all‘attuale direttore generale Alessandro Pansa, già consigliere.

I sindacati intanto chiedono tempi rapidi per la sostituzione di Orsi, per tutelare le attività del gruppo e l‘occupazione.

Secondo un broker, la notizia degli arresti “a prescindere dall‘esito, avrà inevitabilmente ripercussioni negative sui processi di dimissioni e di riorganizzazione e sulla reputazione del gruppo nelle gare internazionali”.

Il titolo ha reagito alla notizia con un nettto calo che

si conferma a chiusura di seduta (-7,3% a 4,414 euro).

GIP: PRESSIONI SU STAMPA E PER SOSTITUIRE PM

Nell‘ordinanza, il gip scrive che in Finmeccanica e AgustaWestland il pagamento di tangenti risulterebbe essere una “filosofia aziendale”.

Secondo il gip, Orsi avrebbe tentato inoltre di fare pressione sul Csm per sostituire il pm Eugenio Fusco, titolare dell‘inchiesta, oltre ad aver tentato di cercare “compiacenza dalla stampa”.

Ipotesi che il legale di Orsi ha respinto come “inconcepibili”, sottolineando che l‘AD era impegnato a difendere la propria immagine ed ha comunque sempre collaborato con gli inquirenti.

Per Amodio, inoltre, “non c‘e stato mai un pagamento illecito, né da parte dell‘ingegner Orsi, né dell‘ingegner Spagnolini o altri”. Il legale ha sottolineato come nell‘ordinanza non ci siano inoltre riferimenti a presunti pagamenti fatti anche alla Lega Nord, coinvolta nelle indagini nei mesi scorsi, che anche oggi ha ribadito la propria estraneità ai fatti.

“Nell‘ordinanza non c‘è neanche un rigo sui soldi alla Lega” ed Amodio ha detto quindi di presumere che questa ipotesi sia “stata archiviata”. Ma fonti investigative hanno precisato che l‘inchiesta sul finanziamento illecito ai partiti prosegue e non è stata inserita nell‘ordinanza perché non funzionale alle esigenze di custodia cautelare.

Il legale ha aggiunto che si rivolgerà “al giudice nei prossimi giorni per riesaminare la vicenda”.

INDIA: “AZIONI ADEGUATE” SE ACCUSA PROVATE

Dall‘India, un funzionario del ministero della Difesa ha fatto sapere che il paese sta indagando su presunte tangenti per 40 milioni di rupie (circa 550mila euro) nell‘ambito dell‘acquisto degli elicotteri e che potrebbe mettere in standby il contratto.

La fonte ha aggiunto che il governo indiano intraprenderà “azioni adeguate” contro Finmeccanica se saranno provate le accuse di corruzione. Le società coinvolte in questo genere di reati rischiano l‘iscrizione in una blacklist e multe, ha precisato la fonte, che ha chiesto di restare anonima.

Il portavoce del ministro degli Esteri Syed Akbaruddin ha detto che l‘Italia non ha fornito all‘India precisazioni sull‘inchiesta.

“Abbiamo chiesto al governo italiano, attraverso la nostra ambasciata a Roma, dettagli sull‘indagine, ma ci è stato riferito che si tratta di un procedimento giudiziario e che il governo italiano non è in grado di condividere alcuna informazione”, ha detto Akbaruddin. “Questa resta la posizione, anche oggi”.

(scritto da Ilaria Polleschi)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below