Scozia, per Londra "nuovo stato" fuori da Ue e Onu se voterà indipendenza

lunedì 11 febbraio 2013 17:53
 

LONDRA (Reuters) - Il governo britannico ha intensificato la sua campagna per evitare che la Scozia lasci il Regno unito, pubblicando un parere legale in cui si dice che se gli scozzesi dovessero scegliere l'indipendenza sarebbero fuori dagli organismi internazionali.

Il partito nazionale scozzese pro indipendenza terrà un referendum sul tema l'anno prossimo e ha minimizzato l'impatto che un "Si" avrebbe sullo status internazionale della Scozia.

Ma le 57 pagine di parere legale - redatte per il governo britannico da due esperti indipendenti di leggi internazionali - sostengono che le implicazioni potrebbero somigliare alla situazione creatasi nel 1991 col crollo dell'Unione sovietica, quando la Russia fu dichiarata successore legale dell'Urss ma gli altri 14 stati sovietici dovettero forgiare dal nulla le loro relazioni internazionali.

Il peso di questo precedente internazionale, secondo il documento, suggerisce che la Scozia diventerebbe un "nuovo stato", status che la costringerebbe a richiedere di unirsi agli organismi internazionale come l'Unione europea, le Nazioni unite e la Nato.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia