Voto, centrosinistra in testa, ma Berlusconi più vicino

venerdì 8 febbraio 2013 17:57
 

di Roberto Landucci

ROMA (Reuters) - La coalizione di centrosinistra si conferma prima nelle intenzioni di voto, ma il blocco di Silvio Berlusconi accorcia le distanze a due settimane dalle elezioni, spinto dalla promessa del Cavaliere di restituire l'Imu sulla prima casa, mentre la vera incognita per la formazione del prossimo governo rimane la conquista della maggioranza al Senato.

E' quanto emerge stamani da diversi sondaggi, nell'ultimo giorno in cui è possibile divulgare le rilevazioni elettorali.

Comune denominatore è il trend che vede ridursi il divario tra i due principali blocchi. Secondo Ispo/3G Deal & Research per il Corriere della Sera la distanza è oggi di oltre sette punti - centrosinistra al 37,2% e centrodestra al 29,7% - contro i 9,4 punti di fine gennaio.

Per Ipsos-Sole 24 Ore, il margine è più stretto, 6,6 punti - coalizione di Pierluigi Bersani al 34,9% e coalizione Berlusconi al 28,3% -, ma si è dimezzato in tre settimane.

Tradizionalmente più benevolo per il Cavaliere, il sondaggio di Alessandra Ghisleri per Euromedia Research evidenzia che la distanza tra i due blocchi è ora inferiore al 2% con il centrosinistra al 34,4% e il centrodestra al 32,7%.

In controtendenza il sondaggio Swg per Rai Tre, che misura in sei punti il divario, ma vede il centrosinistra in risalita di un punto percentuale nell'ultima settimana al 33,8% e il centrodestra fermo al 27,8%.

Per il grafico di riepilogo degli ultimi sondaggi è possibile cliccare sul seguente link: link.reuters.com/zyc85t .

RIMONTA POSSIBILE?   Continua...

 
Il leader del Pdl Silvio Berlusconi tra le bandiere sventolate dai suoi sostenitori. REUTERS/Max Rossi