Voto, polemica Bersani-Berlusconi su interventi per occupazione

giovedì 7 febbraio 2013 19:05
 

ROMA (Reuters) - Dopo che oggi il capo del centrodestra Silvio Berlusconi ha promesso 4 nuovi milioni di posti di lavoro se andasse al governo, il candidato premier del centrosinistra Pier Luigi Bersani ha risposto che sta aspettando ancora l'attuazione delle promesse avanzate dal Cavaliere negli anni passati.

"Non possiamo inseguire la demagogia con la demagogia", ha detto il leader Pd chiudendo un convegno del suo partito a Roma.

"Oggi [Berlusconi] ha promesso quattro milioni di posti di lavoro. Aspettiamo ancora il primo milione dell'altra volta", ha detto Bersani riferendosi a uno storico cavallo di battaglia elettorale di Berlusconi fin dal 1994.

Questa mattina, in un'intervista a un canale web Rai, il leader del Pdl ha detto che con la detassazione alle imprese che assumono si possono creare almeno quattro milioni di impieghi, sollecitando così il voto dei giovani per il centrodestra.

"Non prendete in giro gli italiani, sono intelligenti", ha ammonito per parte sua Bersani, che se l'è presa anche con Beppe Grillo: "Uno che va a Bologna ed evoca [lo scomparso segretario del Pci Enrico] Berlinguer, va a Roma ed evoca [il movimento di estrema destra] Casa Pound, va in Sicilia, dove c'è una disoccupazione drammatica, e promette ai disoccupati 1.000 euro al mese per tre anni".

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Voto, polemica Bersani-Berlusconi su interventi per occupazione. REUTERS/Quirinale Presidential Office/Handout