Voto, Berlusconi vede aggancio centrosinistra, allarme in Germania

mercoledì 6 febbraio 2013 12:22
 

ROMA (Reuters) - Dopo la "proposta shock" di restituire agli italiani l'Imu pagata nel 2012 sulla prima casa, Silvio Berlusconi cavalca l'onda della rimonta nei sondaggi, annunciando oggi che la sua coalizione ha visto ridursi a poco più di due punti percentuali il distacco dal centrosinistra di Pierluigi Bersani.

Ma le sue ricette di rilancio dell'economia attraverso un drastico taglio delle tasse vengono accolte con allarme dai conservatori al governo in Germania, dove ieri Bersani ha incontrato il ministro delle Finanze Wolfang Shaeuble e rilanciato l'idea di un asse di governo antipopulista con il centro di Mario Monti.

"Ora siamo sotto di 2,4 punti. Credo che rimonteremo", ha detto questa mattina Berlusconi a Radio 24.

Il Cavaliere ha citato, senza fornire altri dettagli, una rilevazione della sua sondaggista di fiducia, Alessandra Ghisleri di Euromedia Research, "che adotta lo stesso metodo di rilevazione dei Democratici negli Usa e non ha mai sbagliato una previsione nelle ultime tornate elettorali".

Un'altra casa di sondaggi, l'Swg, ha dato oggi la coalizione di centrosinistra al 33,6%, 5,5 punti avanti sul centrodestra (al 28,1%), mentre la coalizione dei centristi che fa capo a Mario Monti è data al 13,3%. Sempre secondo Swg il Pd sarebbe al 28,9% (in recupero dello 0,9 rispetto alla precedente rilevazione) e il Pdl al 18,9% (in regresso dello 0,4).

Bersani ieri da Berlino si è detto pronto ad una collaborazione "con tutte le forze contrarie al berlusconismo e al leghismo, certamente anche con Monti".

Ma il legame Monti-Bersani, peraltro avversato da Nichi Vendola, il partner di coalizione del Pd, viene imbracciato dal Cavaliere come un'arma elettorale contro chi, a suo dire, ha soffocato la crescita economica con una politica di eccessiva austerità: "Hanno confessato l'inciucio. Monti e Bersani sono correligionari, seguono entrambi la religione delle tasse. Ora è ancora più chiaro che votando Fini, Casini e Monti si vota Bersani", ha detto Berlusconi alla radio del Sole 24 Ore.

Chi vede invece con favore un governo Monti-centrosinistra sono gli ambienti conservatori in Germania.

"Sappiamo quanto sia difficile la situazione italiana, anche con tentazioni populiste. Ci auguriamo un successo di quella via: la linea Monti ha già avuto effetti positivi sui mercati, sullo spread, al contrario di uscite populiste... Spero nella ragionevolezza degli italiani", ha detto oggi a Repubblica Karl Lamers, consigliere di Schaeuble sull'ipotesi di un governo Monti-Bersani.   Continua...

 
Il leader del Pdl Silvio Berlusconi. REUTERS/Paolo Bona