Mps, Berlusconi: vertici Pd non potevano non sapere

martedì 5 febbraio 2013 16:30
 

ROMA (Reuters) - I vertici del Partito democratico non potevano non essere informati delle operazioni sui derivati che vengono oggi contestate a Mps, essendo l'istituto di credito senese storicamente dipendente dai partiti di sinistra.

Lo ha detto Silvio Berlusconi in una intervista a Tgcom24.

A domanda se i vertici del Pd potevano non sapere, Berlusconi ha detto: "Lo escludo nella maniera più assoluta, ci sarebbe comunque una responsabilità oggettiva che andrebbe loro imputata. Credo che ci sia da dare una risposta a una domanda: dove sono finiti i 3 miliardi di differenza tra il prezzo di base e quello pagato da Mps" per l'acquisto di Antonveneta?.

"Mps è un'istituzione che dipende completamente dal partito principale della sinistra... la sinistra che ha messo lì i suoi uomini e a questi uomini dà ordini".

Berlusconi attacca anche certa parte della magistratura, "sempre stata in appoggio alla sinistra", lamentando che su Mps "non sappiamo niente e non c'è nessuno che sia stato assicurato alla giustizia. Non c'è nessuna conversazione intercettata che venga diffusa".

L'ex premier denuncia infine di aver ricevuto un trattamento opposto con migliaia di intercettazioni alle sue cene private e la recente condanna di primo grado a quattro anni per frode fiscale nel processo sulle presunte irregolarità nella compravendita di diritti tv e cinematografici da parte di Mediaset.

-- Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia