Mps, pm Roma valutano carte di Consob e Bankitalia

venerdì 1 febbraio 2013 14:46
 

ROMA (Reuters) - La Procura di Roma ha ricevuto da Consob e Bankitalia l'attesa documentazione relativa alla vicenda Mps. Lo riferiscono oggi fonti giudiziarie, precisando che il fascicolo contro ignoti ipotizza, oltre al reato di manipolazione del mercato, quello di ostacolo all'attività degli organi di vigilanza.

I tre magistrati che si occupano del fascicolo - l'aggiunto Nello Rossi, Michele Nardi e Giorgio Orano - procederanno ora all'esame delle carte.

Ieri i pm romani si sono riservati di valutare "nei prossimi giorni se proseguire negli accertamenti o se trasmettere gli atti alla procura di Siena".

Fonti giudiziarie hanno spiegato che secondo i magistrati romani la competenza a indagare spetta ai colleghi senesi, ma che se dovessero emergere fattispecie di reato legate a Bankitalia e Consob si potrebbe valutare la prosecuzione dell'inchiesta.

Oggi, comunque, fonti della Procura ribadiscono che da parte dei magistrati capitolini c'è totale collaborazione verso i colleghi senesi.

Al momento sulla vicenda Mps indagano le procure di Roma, Trani e quella di Siena; quest'ultima lavora a due inchieste - una sulle presunte tangenti per Antonveneta e l'altra per truffa legata ad alcuni strumenti strutturati - e sta valutando l'apertura di un procedimento per insider trading.

Domani, intanto, il Tar del Lazio ha convocato Bankitalia per fornire chiarimenti sui Monti bond di Mps, e ha ordinato alla Vigilanza di depositare, entro questa mattina, le delibere relative a questi strumenti finanziari.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
La sede di Monte dei Paschi a Siena REUTERS/Stefano Rellandini