Mali, consiglio Sicurezza Onu discuterà invio peacekeeper

giovedì 31 gennaio 2013 09:03
 

NAZIONI UNITE (Reuters) - Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu avvierà presto il dibattito sul possibile invio in Mali di una forza di peacekeeping delle Nazioni Unite. Lo hanno riferito gli inviati.

Il mese scorso il Consiglio aveva approvato l'istituzione di una forza a guida africana da finanziare attraverso contribuzioni volontarie e addestrata dall'Unione Europea. Non avrebbe iniziato le operazioni contro i militanti islamici che l'anno scorso hanno preso il controllo del Nord del Mali fino alla fine del 2013.

Ma l'intervento militare francese nella nazione africana per contenere l'offensiva dei militanti questo mese ha cambiato i piani, spiegano i diplomatici.

"Si parla sempre più di andare direttamente a un'operazione di peacekeeping dell'Onu", ha detto un alto diplomatico occidentale sotto anonimato. Un altro diplomatico e un funzionario Onu hanno confermato la cosa, dicendo che il dibattito inizierà a giorni.

Il dispiegamento di una forza di peacekeeping Onu richiederebbe l'approvazione del Consiglio di Sicurezza. Un'altra opzione è una forza dell'Unione Africana autorizzata dal Consiglio di Sicurezza con supporto logistico e di altro genere dalle Nazioni Unite, analogamente alla missione dell'Ua in Somalia.

Un'idea sarebbe una forza di 3.000-5.000 militari, dicono i diplomatici.

(Louis Charbonneau)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Soldati maliani a Gao. REUTERS/Joe Penney