Grecia, manifestanti occupano ministero Lavoro, scontri con polizia

mercoledì 30 gennaio 2013 17:49
 

ATENE (Reuters) - I manifestanti anti-austerity in Grecia hanno occupato oggi il ministero del Lavoro ad Atene e si sono scontrati con la polizia, in seguito all'arresto di 30 dimostranti.

I tafferugli sono iniziati dopo che la polizia ha arrestato i membri del gruppo comunista Pame, che è entrato nel dicastero occupando l'ufficio del ministro Yannis Vroutsis per circa due ore.

La polizia ha sparato lacrimogeni e usato i manganelli per disperdere circa 300 manifestanti fuori dall'edificio.

"La violenza in qualsiasi forma deve essere condannata", ha detto il portavoce del governo in una nota, condannando l'occupazione degli uffici del ministero. "Il governo non tollererà più questo tipo di eventi".

La polizia ha riferito che due manifestanti sono rimasti leggermente feriti negli scontri di oggi.

La scorsa settimana, il governo ha messo fine a nove giorni di sciopero dei trasporti minacciando di arrestare i dipendenti se non fossero tornati al lavoro, ma i sindacati per domani hanno in programma una nuova astensione.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Manifestanti in Grecia in una immagine di archivio. REUTERS/Yannis Behrakis