Cina, a Pechino stop temporaneo 103 fabbriche per emergenza smog

martedì 29 gennaio 2013 11:33
 

ROMA (Reuters) - Le autorità di Pechino hanno ordinato la chiusura temporaneamente di 103 fabbriche fortemente inquinanti e bloccato la circolazione del 30% dei veicoli governativi per contrastare l'inquinamento atmosferico giunto a livelli pericolosi per la salute.

Lo hanno reso noto oggi l'agenzia di stampa statale Xinhua e altri media di Stato.

La misura d'emergenza durerà fino a giovedì.

Da due settimane la qualità dell'aria nella capitale cinese è a un livello superiore a "molto insalubre" e "pericoloso". Oggi, secondo l'indice d'inquinamento dell'ambasciata Usa, ha raggiunto quota 517, definito "oltre l'indice".

A Pechino l'inquinamento atmosferico supera regolarmente quota 500 sull'indice delle Pm 2,5, un genere di polveri sottili che possono penetrare direttamente negli alveoli dei polmoni. Un livello superiore a 300 è già considerato pericoloso. L'Organizzazione mondiale della Salute raccomanda un'esposizione giornaliera a valori non superiori a 20.

Nei giorni scorsi l'inquinamento in città è arrivato a livelli da record, tra le 30 e le 45 volte oltre i livelli raccomandati, e Pechino è stata avvolta da un fitta coltre di smog che ha costretto i cittadini a casa e provocato l'annullamento di molti voli aerei. Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Turisti in piazza Tiananmen a Pechino, in mezzo allo smog. REUTERS/China Daily