Zona euro verso uscita da recessione, indice Pmi ai massimi da 10 mesi

giovedì 24 gennaio 2013 10:25
 

LONDRA (Reuters) - L'economia della zona euro ha fatto un passo avanti verso la ripresa a gennaio: il ritmo della contrazione dell'attività economica del settore privato si è infatti ridotto più delle attese.

E' quanto mettono in evidenza gli indici Pmi preliminari, elaborati da Markit sulla base di un sondaggio tra i direttori di acquisto.

Il Pmi composito - costruito tramite un'indagine tra cinquemila imprese del manifatturiero e dei servizi e considerato un buon indicatore dello stato dell'economia - è salito a 48,2 da 47,2 di dicembre.

L'indice è rimasto sotto la soglia dei 50 punti, ovvero in fase di contrazione, ma ha mostrato un miglioramento rispetto alle attese, che si fermavano a 47,5, portandosi al livello più alto da 10 mesi.

Nel dettaglio, l'indice Pmi del settore manifatturiero è salito a 47,5 da 46,1, su attese che si fermavano a 46,5. L'indice relativo al settore dei servizi si è portato a 48,3 da 47,8, mentre le stime si fermavano a 48,0.

"C'è stato un punto di svolta tra la fine dell'anno scorso e l'inizio di quest'anno, quindi le cose stanno migliorando. La congiuntura negativa probabilmente scomparirà alla fine del primo semestre", ha commentato Chris Williamson, economista di Markit, secondo cui i dati di oggi sono ancora compatibili con una contrazione del Pil dello 0,2-0,3% nel primo trimestre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia