Israele, al via elezioni, Netanyahu verso terzo mandato

martedì 22 gennaio 2013 14:39
 

GERUSALEMME (Reuters) - Gli israeliani sono chiamati alle urne oggi per le elezioni parlamentari che molto probabilmente affideranno al premier Benjamin Netanyahu il terzo mandato, allontanando lo Stato da un accordo di pace coi palestinesi e spingendolo verso una resa dei conti con l'Iran.

Netanyahu ha garantito che, in caso di vittoria, proseguirà con gli insediamenti nelle terre conquistate durante la guerra del 1967, una politica destinata a inasprire i rapporti coi partner internazionali e a peggiorare quelli, già tesi, con il presidente americano Barack Obama.

Secondo i sondaggi, il Likud - il partito di Netanyahu che ha sottoscritto un accordo elettorale con il gruppo ultra nazionalista Yisrael Beitenu - otterrà la maggior parte dei seggi alle elezioni parlamentari, anche se in quantità molto inferiore a quanto sperato in un primo momento.

"Vogliamo il successo di Israele, votiamo Likud-Beitenu ... più grande sarà, maggiore sarà il successo di Israele", ha detto Netanyahu dopo aver votato assieme alla moglie e ai due figli.

Netanyahu ha assicurato che l'Iran tornerà a essere in cima all'agenda internazionale e che non permetterà a Teheran di arricchire uranio per creare una bomba atomica, prospettiva che secondo gli esperti israeliani potrebbe concretizzarsi a metà del 2013.

Gli aventi diritto al voto sono circa 5,66 milioni e i seggi staranno aperti fino alle 10 di sera (ora locale). I risultati definitivi dovrebbero essere diffusi domattina, dando il via ai colloqui per formare la coalizione. - Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Israele, una donna vota nel villaggio druso di Maghar, oggi. REUTERS/Ammar Awad