Voto, centrosinistra sotto in 3 Regioni in Senato

lunedì 21 gennaio 2013 13:40
 

ROMA (Reuters) - Il centrosinistra perderebbe in tre Regioni chiave - Lombardia, Veneto e Sicilia - mancando così la possibilità di avere la maggioranza anche in Senato, maggioranza che dovrebbe invece raggiungere alla Camera.

E' questo il risultato di un sondaggio dell'Ispo che il Corriere della sera pubblica questa mattina con un lungo e ragionato commento di Renato Mannheimer il quale spiega che la situazione in quasi tutte le Regioni chiave rimane comunque molto fluida, con "divari molto esigui" rendendo la "partita aperta in cinque Regioni".

Il sondaggio dell'Ispo vede la coalizione di centrodestra avanti in Lombardia (36,7% contro il 34,5% del centrosinistra) e in Veneto (33,9% contro 30%), sotto in Campania (27,9% contro 32,5%) e Puglia (29,2% contro 33%), di nuovo avanti in Sicilia dove le due coalizioni sono davvero molto vicine: 29,6% il centrodestra contro il 28,6% del centrosinistra.

Lo stesso Mannheimer nota che "in questo genere di sondaggi vi è un margine di approssimazione statistica superiore a questi divari".

Con questa situazione comunque la coalizione guidata da Pier Luigi Bersani si fermerebbe secondo l'Ispo al Senato a 146 seggi, sotto la soglia di 158 necessaria per avere la maggioranza.

L'incertezza è accresciuta dal fatto che, come nota sempre Mannheimer, in queste Regioni chiave "le coalizioni vengono stimate alla pari da quasi tutti gli altri istituti di ricerca (Ipsos, Ipr, Euromedia, Lorien)".

Tutto ciò fa concludere al sondaggista che "la situazione complessiva del Senato appare oggi molto incerta. Diversi elementi inducono a pensare che per Bersani non sarà facile godere di una maggioranza autonoma".

La differenza fra Camera è Senato è effetto della legge elettorale attuale che, mentre alla Camera dà una larga maggioranza (55% dei seggi alla coalizione che risulta vincitrice su scala nazionale), al Senato attribuisce premi di maggioranza su scala regionale e i premi maggiori sono offerti in Regioni in cui il centrodestra potrebbe battere il centrosinistra pur perdendo nella maggioranza delle rimanenti che però concedono premi di maggioranza largamente inferiori.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Simboli elettorali depositati al ministero degli Interni in vista delle prossime elezioni del 24 e 25 febbraio. Roma, 14 gennaio 2013. REUTERS/ Alessandro Bianchi