Mafia, Pg Palermo chiede condanna a 7 anni per Dell'Utri

venerdì 18 gennaio 2013 15:47
 

PALERMO (Reuters) - Il procuratore generale di Palermo Luigi Patronaggio ha chiesto oggi la condanna a sette anni del senatore Pdl Marcello Dell'Utri accusato di concorso in associazione mafiosa.

"In virtù del concreto, specifico, consapevole e volontario contributo ad attività di Cosa nostra non posso che chiedere per l'imputato Marcello Dell'Utri la conferma della richiesta di condanna a 7 anni già formulata in appello nel 2010", ha concluso nella sua requisitoria questa mattina al processo d'appello a Dell'Utri.

La Corte di Cassazione aveva annullato con rinvio in appello la condanna a 7 anni stabilita nel 2010. Il nuovo procedimento è iniziato nel luglio scorso dinanzi alla corte presieduta dal giudice Raimondo Lo Forti.

"Non si può analizzare e considerare la vicenda relativa al rapporto tra Cosa nostra e Marcello Dell'Utri se non valutando globalmente i suoi rapporti trentennali e continuativi con Cosa nostra", ha sostenuto Patronaggio.

"A mia memoria - ha aggiunto - non ricordo un soggetto imputato di concorso esterno che per un così lungo periodo abbia mantenuto un duraturo e proficuo rapporto, come appunto Dell'Utri. Non ha mai preso le distanze, anche di tipo culturale, dal mondo di Cosa nostra e dai soggetti che nel corso del tempo ha incontrato".

Secondo l'accusa, il rapporto tra Vittorio Mangano (uomo d'onore assunto come stalliere ad Arcore) e Dell'Utri è assolutamente "provato e coerente con certezza fino al dicembre del 1993. E fino al 1998 ci sono contatti indicativi tra l'imputato e ambienti di Cosa nostra".

La prossima udienza del processo si terrà il 4 febbraio nell'aula bunker dell'Ucciardone.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Marcello Dell'Utri in una immagine di archivio. REUTERS/Alessandro Bianchi