Monti critica Berlusconi: pensava di rilanciare export chiudendo Ice

mercoledì 16 gennaio 2013 16:42
 

ROMA (Reuters) - L'Italia deve difendere la propria forza come Paese esportatore non certo sopprimendo l'istituto per il commercio estero o istituendo sedi dei ministeri a Nord del Po.

Lo sostiene Mario Monti che, intervenendo a una cerimonia della nuova agenzia per il commercio estero, critica l'iniziativa - poi cancellata dal suo governo - di trasferire alcune sedi ministeriali a Monza, e la soppressione dell'Ice contenuta nell'ultima finanziaria di Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti.

"Qualcuno aveva pensato di aiutare l'export italiano sopprimendo l'Istituto per il commercio estero, mentre si teneva omaggio nel recente passato a una visione forse innovativa dell'internazionalizzazione creando uffici dei ministeri a Monza", ha detto ironicamente Monti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia