Fmi, missione su stabilità finanziaria lunedì a Milano

martedì 15 gennaio 2013 19:50
 

ROMA (Reuters) - L'attesa missione del Fondo monetario internazionale per valutare lo stato di salute delle banche italiane inizierà lunedì a Milano con una serie di incontri con i principali istituti di credito e metterà a fuoco la situazione delle sofferenze.

Una fonte delle istituzioni coinvolte spiega che si tratta di una visita programmata da tempo che mira alla stesura, più avanti nell'anno, di un rapporto sulla stabilità finanziaria del Paese (Financial Sector Assessment Program) ormai obbligatorio per 25 Paesi le cui banche hanno rilevanza sistemica.

Il rapporto Fsap si sviluppa in due fasi: la prima in gennaio che si concentrerà sulla efficacia della supervisione sul settore finanziario e il rispetto con gli standard internazionali; la seconda, in programma per marzo 2013, completerà il lavoro della missione di gennaio e riguarderà anche i rischi e la consistenza del settore finanziario, le misure per gestire i rischi di fallimenti bancari e gli accordi per la gestione delle crisi.

La visita di due settimane si concluderà a Roma nella sede della Banca d'Italia e avrà un'appendice dopo le elezioni politiche di fine febbraio prima della stesura del rapporto.

L'ultimo Fsap sull'Italia risale al 2006.

La missione si svolge nel secondo anno di recessione per l'economia italiana e in un momento in cui il deterioramento della qualità del credito è diventato un elemento critico per gli investitori.

Il presidente dell'Associazione bancaria italiana Giuseppe Mussari ha detto in novembre che se le valutazioni del Fondo fossero negative anche il costo del debito pubblico italiano ne risentirebbe.

Le ultime istantanee scattate dagli esperti di Washington sulla qualità dei crediti nazionali sono state considerate fuorvianti dall'Abi.

Per mettersi al riparo da una lettura incompleta dei dati di bilancio delle banche nazionali e da una cattiva comprensione delle regole di vigilanza imposte dalla Banca d'Italia, l'Abi ha espresso l'intenzione di commissionare uno studio comparato a un soggetto indipendente.   Continua...

 
Una immagine di archivio del capo del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde. REUTERS/Eliseo Fernandez