Afghanistan, livello truppe centrale in agenda colloqui Obama-Karzai

venerdì 11 gennaio 2013 09:31
 

WASHINGTON (Reuters) - Il presidente statunitense Barack Obama e l'omologo afghano Hamid Karzai oggi avranno una serie di delicati colloqui che potrebbero determinare i tempi del ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan e se gli Stati Uniti lasceranno delle forze dopo il 2014.

Ricevendo Karzai alla Casa Bianca, Obama affronta la sfida di dare attuazione alla promessa elettorale di continuare nel ridimensionamento dell'impegno militare in Afghanistan, mentre avanza la preparazione del governo di Kabul perché il Paese non finisca nel caos una volta che il grosso delle forze Nato se ne sarà andato.

Fonti della Casa Bianca hanno aperto alla possibilità di un completo ritiro Usa dopo il 2014 - come accadde in Iraq nel 2011 - in contrasto con la visione del Pentagono, secondo cui sarebbero necessari migliaia di militari per sostenere e addestrare le ancora fragili forze di sicurezza afghane.

Ma l'"opzione zero" potrebbe servire in realtà a strappare delle concessioni a Karzai, che non ha ancora acconsentito all'immunità per gli eventuali militari Usa che dovessero restare nell'ambito di un accordo bilaterale di sicurezza.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente Usa Barack Obama (a sinistra) e il presidente afgano Hamid Karzai al Palazzo presidenziale a Kabul, 2 maggio 2012. REUTERS/Kevin Lamarque