Archiviata accusa favoreggiamento procuratore Bari a Berlusconi, Tarantini

giovedì 10 gennaio 2013 15:52
 

BARI (Reuters) - Il gip di Lecce ha archiviato oggi l'accusa contro il procuratore capo di Bari Antonio Laudati di aver favorito l'ex premier Silvio Berlusconi e l'imprenditore pugliese Giampaolo Tarantini in un'inchiesta su un giro di prostitute.

Il giudice per le indagini preliminari Vincenzo Brancato ha archiviato complessivamente quattro capo d'accusa contro Laudati, che è anche al centro di un'inchiesta del Consiglio superiore della magistratura.

In sostanza, il procuratore era accusato di favoreggiamento nei confronti di Tarantini e Berlusconi attraverso il rallentamento delle indagini sul traffico di escort.

Laudati resta invece ancora indagato per abuso d'ufficio nell'inchiesta coordinata dal procuratore capo di Lecce Cataldo Motta.

Tarantini è imputato a Bari con altre persone, tra cui il fratello Claudio e l'attrice Sabrina Began, per associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento, all'induzione e al favoreggiamento della prostituzione.

Berlusconi, in un'inchiesta parallela condotta sempre dalla Procura pugliese, è indagato per aver indotto Tarantini e rendere false dichiarazioni alla magistratura.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
La prostituta Patrizia D'Addario balzata all'onore delle cronache nel 2009 per aver intrattenuto rapporti sessuali con l'ex premier Silvio Berlusconi. Otranto, 19 agosto 2009. REUTERS/Fabio Serino/Files