Marò in viaggio verso l'India: "Rispettiamo parola data". Oggi sentiti in procura Roma

giovedì 3 gennaio 2013 17:56
 

ROMA (Reuters) - Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri di Marina accusati di avere ucciso due pescatori indiani, sono ripartiti questo pomeriggio per l'India, dove attendono la decisione della Suprema corte.

"Ritorniamo in India rispettando la parola data, fiduciosi nella giustizia", hanno detto i due - secondo quanto riferito da una nota della Marina militare - imbarcandosi sul volo che li riporterà a Kochi, decollato dallo scalo romano di Ciampino poco prima delle 17.

Questa mattina, Latorre e Girone sono stati ascoltati per circa cinque ore dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dalla pm Elisabetta Cennicola. La nota della Marina precisa che i marò hanno reso dichiarazioni spontanee.

I due erano rientrati in Italia lo scorso 22 dicembre dall'India, dov'erano trattenuti dal 15 febbraio, dopo che l'Alta corte del Kerala aveva accolto la loro richiesta di poter tornare a casa per le festività natalizie.

I marò, membri di una squadra militare a protezione della petroliera Enrica Lexie, sono accusati di avere aperto il fuoco lo scorso febbraio contro una barca di pescatori che avrebbero scambiato per un'imbarcazione di pirati, nelle acque antistanti lo stato meridionale indiano del Kerala.

Girone e Latorre sono in attesa del processo, in una vicenda che ha creato tensioni tra Nuova Delhi e Roma. L'Italia ha criticato la volontà dell'India di processarli, sostenendo che la sparatoria sia avvenuta in acque internazionali, pertanto ritenendo che i due debbano essere giudicati in patria.

La Suprema corte indiana deve decidere in quale dei due Paesi dovranno essere processati.

Per consentire il rientro temporaneo dei marò, che si erano impegnati a rientrare in India entro il 10 gennaio, prima della loro partenza sono stati versati a garanzia 60 milioni di rupie (circa 830mila euro).

(Antonella Cinelli)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
I fucilieri di marina Massimiliano Latorre (a sinistra) e Salvatore Girone, 18 dicembre 2012.REUTERS/Sivaram V