Auto Italia, in 2012 vendite a 1,4 milioni, si torna a 1979

mercoledì 2 gennaio 2013 19:06
 

MILANO/TORINO (Reuters) - Il mercato dell'auto in Italia chiude il 2012 con poco più di 1,4 milioni di immatricolazioni, in calo del 19,9%, tornando ai livelli visti nel 1979.

Il solo mese di dicembre ha registrato un calo delle immatricolazioni del 22,5% a 86.735 unità, dice una nota del ministero dei Trasporti.

Nè si prevedono recuperi per l'annop appena iniziato. Secondo Federauto la situazione "fa prevedere, per il 2013, un mercato vicino a 1.330.000 unità".

Il gruppo Fiat, con i marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Chrysler/Jeep/Dodge, ha segnato a dicembre un calo delle immatricolazioni del 20,2% per 25.385 unità, chiudendo l'anno con un bilancio di 414.925 auto immatricolate e con un decremento sul 2011 del 19,4%.

Il gruppo ha però consolidato la sua quota di mercato, come sottolinea una nota della casa torinese. Su dicembre la quota di mercato è migliorata di 0,85 punti rispetto a un anno prima, attestandosi al 29,3%. Sull'intero 2012 la quota di mercato è del 29,6% con un miglioramento di 0,2 punti.

E nel difficile 2012 il gruppo Fiat ha collocato quattro vetture del gruppo - Panda, Punto, Ypsilon e 500 - ai primi quattro posti nella classifica delle auto piu vendute dell'anno.

Anche gli ordini di auto nuove sono in calo, secondo i dati raccolti da Unrae. A dicembre la raccolta ordini si è fermata sotto le 100.000 prenotazioni con un calo del 26,5%. Il bilancio dell'intero 2012 vede una flessione del 21% a circa 1,37 milioni di vetture.

Non va meglio al mercato dell'usato: a dicembre i trasferimenti di proprietà hanno registrato una variazione negativa annua del 16,08%. Il bilancio dell'intero 2012 vede un calo del 9,75%.

APPELLI A PROSSIMO ESECUTIVO DA ASSOCIAZIONI CATEGORIA   Continua...

 
Immagine d'archivio di una catena di montaggio della Fiat Punto a Melfi. REUTERS/Ciro De Luca (ITALY - Tags: BUSINESS TRANSPORT)