Monti: lista unica in Senato, sarò capo coalizione ma non mi candido

venerdì 28 dicembre 2012 20:06
 

ROMA (Reuters) - Mario Monti sarà capo coalizione di una formazione sostenuta dai centristi e da movimenti della società civile che si presenterà alle elezioni del 24 e 25 febbraio con una lista unica in Senato e diverse liste alla Camera.

Il premier uscente non sarà candidato ritenendo di non dover lasciare il seggio da senatore a vita che gli è stato assegnato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Lo ha annunciato lo stesso Monti in una conferenza stampa al termine di un lunghissimo incontro oggi pomeriggio con il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, rappresentanti di Italia Futura e Fli, e alcuni ministri del governo uscente.

"E' stato deciso che in Senato ci sarà una lista unica denominata provvisoriamente 'Agenda Monti per l'Italia'. Alla Camera invece ho pensato che fosse più opportuno e significativo avere una lista dell'Udc. Ci sarà anche una lista civica [Italia Futura di Luca di Montezemolo] e non so se ce ne saranno altre, e ci sarà una coalizione di queste liste", ha detto Monti precisando: "Io accetterò di essere designato a capo di questa coalizione".

Monti ha garantito che "vigilerà" egli stesso sui candidati, coadiuvato da Enrico Bondi che farà una sorta di "due diligence" sulle loro qualità.

Il premier uscente ha infine spiegato a chi gli chiedeva se punti a diventare presidente del Consiglio, che la nuova formazione - "non si tratta di un partito" - ha vocazione "maggioritaria e credo possa avere risultati significativi [alle elezioni]. Non si può definire a priori cosa si farà in futuro".

Oltre a Casini, Monti ha oggi incontrato altri parlamentari uscenti che si riferiscono al Terzo Polo come Benedetto Della Vedova (Fli), Linda Lanzillotta, Nicola Rossi. Poi esponenti di altri poli non del centro come Piero Ichino (Pd) e Mario Mauro (Pdl). Italia Futura era rappresentata da Andrea Romano e Carlo Calenda, mentre era assente Montezemolo perché all'estero. Presenti anche i ministri Andrea Riccardi, Corrado Passera e Enzo Moavero, e il sottosegretario Antonio Catricalà.

Monti ha mostrato apprezzamento per l'endorsement arrivato dal Vaticano alla sua iniziativa ma ha aggiunto che, pur ritenendo i temi etici "fondamentali, non è su questi che si articola la nascita di questa formazione [politica]".

(Francesca Piscioneri, Valentina Consiglio, Roberto Landucci) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Italian caretaker Prime Minister Mario Monti attends an end of year news conference in Rome December 23, 2012. Monti said on Sunday he would be ready to run for a second term in next year's election if he was asked to do so by political forces that adopted his reform agenda. REUTERS/Alessandro Bianchi (ITALY - Tags: POLITICS ELECTIONS HEADSHOT)