Siria, a Mosca nuovi colloqui per cercare soluzione a conflitto

giovedì 27 dicembre 2012 14:26
 

MOSCA (Reuters) - La Russia ospiterà sabato prossimo l'inviato di pace per la Siria dell'Onu, Lakhdar Brahimi, dopo che oggi diplomatici siriani hanno avuto colloqui a Mosca, nell'ambito di uno sforzo diplomatico per concordare un piano per uscire dal conflitto che dura da 21 mesi. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri russo.

I colloqui si sono spostati a Mosca - la Russia è un alleato storico della Siria - dopo una serie di incontri tenuti da Brahimi a Damasco in questi giorni, ma finora l'inviato Onu ha svelato poco dei negoziati.

Brahimi, che ha visto il presidente siriano Bashar al-Assad lunedì scorso e dovrebbe vedere diversi rappresentanti siriani entro la settimana, sta cercando di patrocinare una trasferimento pacifico dei poteri.

Sono oltre 44.000 i siriani uccisi nella rivolta contro il regime della famiglia Assad, che dura da 40 anni. La protesta è scoppiata pacificamente nel marzo 2011, per poi trasformarsi in guerra civile.

I precedenti tentativi di arrivare alla pace sono naufragati per la divisione tra le varie potenze mondiali su quello che è diventato ormai un conflitto confessionale tra la maggioranza sunnita e le forze di sicurezza di Assad, che provengono in gran parte dalla minoranza alawita.

Oggi, il vice ministro siriano degli Esteri Faisal Makdad e un suo assistente hanno discusso per meno di due ore col ministro degli esteri russo, Sergei Lavrov, e con Mikhail Bogdanov, inviato del Cremlino per il Medio Oriente.

Fonti siriane e libanesi dicono che Makdad - che non ha fatto commenti dopo l'incontro - è stato inviato a Mosca per discutere i dettagli di un piano di pace proposto da Brahimi.

(Steve Gutterman)

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia