Repubblica centrafricana, presidente chiede aiuto a Francia e Usa contro ribelli

giovedì 27 dicembre 2012 14:52
 

BANGUI (Reuters) - Il presidente della Repubblica centrafricana Francois Bozize ha chiesto agli Stati Uniti e alla Francia di aiutarlo a respingere le forze ribelli che stanno avanzando verso la capitale Bangui.

"Chiediamo ai nostri cugini francesi e agli Usa di aiutarci a respingere i ribelli alle loro iniziali posizioni, in modo che si possano portare avanti i colloqui a Libreville per risolvere questa crisi", ha detto alla folla Bozize, in un discorso nella piazza principale di Bangui.

Il presidente francese Francois Hollande ha detto stamani che i soldati francesi che sono nel paese non saranno usati per difendere il governo di Bozize.

"Se c'è una presenza, non è per proteggere un regime, è per proteggere i nostri connazionali e i nostri interessi e non per intervenire in alcun modo negli affari interni di un paese, in questo caso la Repubblica centrafricana", ha detto Holland a margine di un evento a Parigi. "Quei giorni sono finiti".

Nelle ultime settimane i ribelli sono arrivati a 75 km da Bangui, nel tentativo di mettere fine ai 10 anni di presidenza di Bozize.

Per oggi sono attesi colloqui tra il governo e i ribelli, e un loro portavoce ha detto che i combattenti hanno temporaneamente frenato la loro avanzata per agevolare il dialogo.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Manifestazione per la pace ieri a Bangui, capitale della Repubblica Centraficana, dove centinaia di persone hanno lanciato pietre contro l'ambasciata francese per protestare contro l'avanzata delle forze ribelli nel nord del Paese. La foto è del 19 dicembre. REUTERS/Stringer