Governo, consultazioni al Quirinale, Pdl: Monti resti neutrale

sabato 22 dicembre 2012 12:04
 

ROMA (Reuters) - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha iniziato questa mattina i colloqui con i capigruppo dei partiti presenti in Parlamento in un atto che prelude allo scioglimento delle Camere dopo le dimissioni del premier Mario Monti.

I colloqui sono iniziati alle 10,00 con gli esponenti del Pdl, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri del Pdl, seguiti dai capigruppo del Pd e via via quelli degli altri partiti.

Al termine dell'incontro con Napolitano, Cicchitto ha detto che "andando ad elezioni con un governo non eletto ma tecnico, questo governo dovrà mantenere la sua connotazione al di fuori delle parti".

Per il Pd, il capogruppo alla Camera Dario Franceschini ha ringraziato il premier per il lavoro fatto, ma ora deve iniziare una fase nuova.

"Ci presentiamo alle elezioni consapevoli che l'Italia merita politiche progressiste riformiste che rispondano a un principio molto semplice; chi ha di più deve mettere di più, chi ha di meno deve mettere di meno".

Le consultazioni terminano alle 13,00, mentre nel pomeriggio sono attesi i presidenti di Camera e Senato e in serata il probabile decreto che sancirà la fine della XVI legislatura.

"Il presidente ha scelto di sentire i capigruppo per correttezza istituzionale, poiché la crisi di governo è di natura politica e pertanto tutti gli attori della politica vanno consultati prima di prendere la decisione", ha detto una fonte del Quirinale.

Nel frattempo è stato convocato un consiglio dei ministri alle 16,00 per l'esame dei provvedimenti iscritti all'ordine del giorno della riunione di ieri e non deliberati, come si legge in una nota di palazzo Chigi.

Le dimissioni di Monti mettono fine a 13 mesi di governo dei tecnici e aprono la strada ad elezioni che si terranno molto probabilmente il 24 febbraio.

(Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un corazziere di guardia al Quirinale. REUTERS/Presidenza della Repubblica/Handout