Bnl-Unipol,chiesto 1 anno per Silvio Berlusconi per concorso rivelazione segreto ufficio

giovedì 20 dicembre 2012 14:07
 

MILANO (Reuters) - Il pm di Milano Maurizio Romanelli ha chiesto oggi la condanna ad un anno di reclusione per concorso in rivelazione di segreto ufficio per Silvio Berlusconi, nell'ambito del processo per un'intercettazione telefonica pubblicata dal "Giornale" sulla tentata scalata di Unipol a Bnl.

Il pm ha chiesto inoltre 3 anni e 3 mesi per il fratello dell'ex-premier, Paolo Berlusconi, per le accuse di ricettazione e concorso in rivelazione di segreto d'ufficio, mentre ne ha chiesto l'assoluzione dall'accusa di millantato credito.

L'ex premier, che col fratello ha sempre negato ogni addebito, è imputato per la pubblicazione di un'intercettazione telefonica, non depositata agli atti, tra l'ex-leader dei Ds Piero Fassino e l'allora presidente di Unipol Giovanni Consorte in cui il politico pronunciava la famosa frase "abbiamo una banca".

In una lunga nota, in cui ripercorre anche gli altri casi in cui Berlusconi è stato ed è coinvolto a Milano, l'avvocato e parlamentare Pdl Niccolò Ghedini, difensore dell'ex premier, definisce "incredibile" la richiesta avanzata oggi dall'accusa.

"Tale richiesta è ancora più incredibile ove si pensi che colui che aveva la disponibilità della conversazione ha ribadito che il Presidente Berlusconi non l'ha neppure ascoltata, così come tutti hanno confermato la sua totale estraneità alla pubblicazione", dice il legale nel comunicato.

"La prosecuzione dei processi, che non potrà che spettacolarizzare le tesi accusatorie, - prosegue Ghedini - sembra preludere a decisioni di condanna che, di fronte a giudici super partes, sarebbero giuridicamente impossibili. Gli organi preposti dovrebbero urgentemente intervenire per riportare a normalità una situazione davvero eccezionale che anche a Milano, il che è tutto dire, è senza precedenti"

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
L'ex premmier Silvio Berlusconi nel gennaio 2010, a Roma, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. REUTERS/Max Rossi