Voto, Bersani: "non farò campagna contro Monti, ma dinamiche cambiano"

giovedì 20 dicembre 2012 08:59
 

ROMA (Reuters) - Il candidato premier del centrosinistra Pier Luigi Bersani, che ieri a Bruxelles ha incontrato i vertici della Ue, dice che non farà campagna elettorale contro Mario Monti, ma avverte che se il premier dovesse candidarsi alle politiche di febbraio cambierebbero "le dinamiche".

"E' un problema loro, io ho detto che voglio essere amichevole. I progressisti sono aperti a posizioni moderate, dicano loro cosa vogliono fare", ha detto Bersani rispondendo a una domanda dei quotidiani "Repubblica" e "Messaggero" sulla possibile collaborazione con i centristi se Monti dovesse candidarsi a nuovo premier.

Ieri Monti ha ricevuto a Palazzo Chigi - episodio criticato da alcuni quotidiani - i rappresentanti di liste centriste, ma non ha sciolto ufficialmente il nodo della sua presenza in campagna elettorale.

"Non farò campagna elettorale contro Monti, ma quando il paesaggio cambia, cambiano le dinamiche. In campagna elettorale le dinamiche che scattano sono altre. Se dovessi essere io il premier - ipotesi possibile ma da molti negata - parlerei subito con Monti", ha detto il segretario del Pd.

Bersani ha anche confermato che il centrosinistra, se andasse al governo non "smonterebbe" ma "implementerebbe" le riforme del governo uscente: "Manterremo gli impegni, arricchendoli".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il leader del Pd Pier Luigi Bersani. REUTERS/ Stringer