Usa, nuova legge difesa nega finanziamento programma missili con Italia

mercoledì 19 dicembre 2012 09:15
 

WASHINGTON (Reuters) - Negli Stati Uniti la Camera e i negoziatori del Senato hanno approvato ieri, contro la volontà della Casa Bianca, una legge sui fondi per la difesa che nega i finanziamenti per l'anno finale di un programma congiunto con Italia e Germania per la realizzazione di nuovi missili terra-aria.

I parlamentari hanno detto no al versamento da parte degli Usa di poco più di 400 milioni di dollari per lo sviluppo del Medium Extended Air and Missile Defense System (Meads), affermando che Washington non ha progetti per produrre il sistema in corso di realizzazione da parte di Lockheed Martin Corp e delle aziende partner in Italia e Germania.

Secondo dirigenti industriali e rappresentanti italiani e tedeschi il governo statunitense rischia di pagare alle aziende una penale quasi equivalente al costo per finire di realizzare il sistema, finanziato da Usa, Italia e Germania in oltre un decennio con più di 4 miliardi di dollari.

Nel frattempo, secondo il consorzio Meads International, il programma avrebbe raggiunto importanti risultati, tra cui la capacità a 360 gradi di individuare, seguire e distruggere obiettivi come aerei e missili da crociera.

Il Meads è destinato a prendere il posto dell'ormai vecchio sistema Patriot.

A novembre la Casa Bianca aveva ribadito le proprie preoccupazioni per il programma, avvertendo che un no al finanziamento avrebbe danneggiato le relazioni degli Usa con gli alleati, mettendo in pericolo il genere di progetti multinazionali sostenuti dall'amministrazione Obama mentre monta la pressione per restringere il bilancio. La Casa Bianca ha già minacciato il veto sulla legge di autorizzazione per il bilancio della difesa nel 2013.

(Andrea Shalal-Esa)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un missile Patriot Advanced Capability-3 (PAC-3). REUTERS/Kyodo