Giappone, liberaldemocratici vincono, ma non è la svolta attesa

lunedì 17 dicembre 2012 09:14
 

TOKYO (Reuters) - Tre anni dopo una clamorosa sconfitta, nel voto di ieri in Giappone i liberaldemocratici hanno conquistato 294 seggi sui 480 della Camera bassa, ma il prossimo ministro Shinzo Abe sa che la vittoria non equivale a quel mandato illimitato che sembrava rappresentare in un primo momento.

Un'analisi del voto, così come gli stessi commenti di Abe, suggeriscono infatti che sarebbe stato meglio se l'esponente politico si fosse concentrato su quel che veramente preme agli elettori, cioè l'economia, piuttosto che su questioni che dividono, come la revisione della costituzione pacifista giapponese.

Ciò detto, le iniziative aggressive da parte della Cina nella contesa territoriale sul piccolo arcipelago del Mare della Cina orientale potrebbero rafforzare il sostegno alle posizioni rigide di Abe verso Pechino.

Insieme a un partito alleato, il Komeito, i liberaldemocratici (Ldp) hanno anche conquistato la maggioranza dei due terzi, che potrebbe contribuire a rompere lo stallo politico permanente nel Parlamento.

E' stata invece una dura sconfitta per il partito democratico, che era al governo: ha conquistato solo 57 seggi, meno di un quinto di quelli ottenuti nel 2009, quando vinse per la prima volta nella storia giapponese.

LO stesso Abe, comunque, ha ammesso che la sua vittoria è stato più un voto di rifiuto per i democratici che di fiducia per lo Ldp, che ha quasi sempre governato il Giappone dopo la Seconda guerra mondiale.

"La nostra vittoria questa volta non significa che la fiducia nel Partito liberaldemocratico sia stata completamente ripristinata. Piuttosto, è stata una decisione dell'opinione pubblica di mettere fine alla stagnazione e alla confusione politica degli ultimi tre anni, causate dal malgoverno politico del Partito democratico", ha detto oggi Abe. "Dobbiamo procedere e ottenere risultati".

L'affluenza al voto di ieri è stata sorprendente bassa, il 59%, secondo una stima dell'agenzia di stampa Kyodo.

E il partito di Abe non ha comunque ottenuto la maggioranza assoluta tra coloro che sono andati a votare. Il principale partito di opposizione ha ottenuto il 43% dei voti circa nei 300 collegi uninominali, e il 28% - rispetto al 16% dei democratici e al 20% del nuovo Partito della restaurazione, di destra - nel voto proporzionale per gli altri 180 seggi.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il leader del Partito liberal democratico (Ldp) e prossimo primo ministro giapponese, Shinzo Abe. Tokyo, 17 dicembre 2012. REUTERS/Toru Hanai