Telecom Italia, Antitrust ha accertato comportamenti anticoncorrenziali

mercoledì 12 dicembre 2012 20:08
 

BRUXELLES/ROMA (Reuters) - L'Antitrust ha concluso l'istruttoria su Telecom Italia aperta nel giugno del 2010 su denuncia di alcuni concorrenti per comportamenti contrari alla concorrenza rilevando che la compagnia telefonica ha opposto ostacoli all'accesso alla rete e ha offerto prezzi che non hanno consentito alle altre società di poter offrire servizi a prezzi remunerativi.

Lo si legge nel documento di chiusura di istruttoria redatto dagli uffici e non ancora valutato dal collegio, documento che Reuters ha potuto leggere e nel quale è scritto che la compagnia telefonica ha messo in atto comportamenti "che costituiscono una grave violazione della disciplina a tutela della concorrenza".

Nel procedimento sono coinvolti Telecom Italia e, come parti offese, Vodafone, Fastweb [SCMNSF.UL], Bti Italia, Colt, Wind, Siportal Teleunit, Telepiù e l'associazione dei provider.

Nel documento si dice che, "sulla base delle risultanze istruttorie, emerge che l'opposizione ai concorrenti di un numero ingiustificatamente elevato di rifiuti di attivazione dei servizi all'ingrosso si è verificata dal 2009 sino ad almeno tutto il 2011".

Per l'altra ipotesi di indagine l'Antitrust rileva invece che Telecom ha applicato "prezzi per il servizio di accesso al dettaglio alla rete fissa che, rispetto a quelli applicati a monte per il servizio di unbundling, non consentono neppure ad un concorrente altrettanto efficiente di operare in modo redditizio su base duratura nei mercati a valle". Secondo la Direzione Antitrust questi comportamenti sarebbero stati tenuti dal 2008, quando Telecom introdusse degli sconti particolari, sino al 1 luglio 2011, quando tali sconti sono stati rivisti e ridotti.

Nel corso della procedura l'Antitrust ha rigettato gli interventi proposti da Telecom Italia per sanare la situazione.

L'Autorità ha fissato per il 13 gennaio 2013 l'ultima audizione per le parti che volessero aggiungere altra documentazione o commenti.

L'istruttoria deve chiudersi entro il 30 marzo 2013.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia