Governo, Bersani vuole Monti fuori da competizione ma Pd si prepara

lunedì 10 dicembre 2012 17:04
 

di Massimiliano Di Giorgio

ROMA (Reuters) - Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, candidato premier della coalizione di centrosinistra, ha detto oggi che sarebbe meglio se Mario Monti non partecipasse alla prossima competizione elettorale, ma intanto il Partito democratico si prepara alla possibilità che al voto arrivi anche una lista patrocinata dall'attuale capo del governo.

"Io ho sempre detto che proprio perché Monti deve essere ancora utile a questo Paese, sarebbe meglio che rimanesse fuori dalla contesa", ha detto Bersani a Piacenza, in un discorso trasmesso dalla tv.

"Poi ognuno sceglie come crede e fa le proprie valutazioni con serenità. Non ho la volontà di inibire in alcun modo le scelte personali di Monti", ha aggiunto il leader, il cui partito è stimato oggi in testa e con oltre il 30% dei voti nei sondaggi.

Secondo alcuni opinionisti, una lista-Monti potrebbe ottenere fino al 20% dei voti. Il premier uscente, in un'intervista pubblicata oggi, ha detto di non sapere quale sarà il proprio futuro politico.

Sabato sera il presidente del Consiglio ha comunicato al capo dello Stato la propria intenzione di dimettersi dopo l'approvazione definitiva della legge di stabilità, nei prossimi giorni.

La decisione, che ha provocato la reazione negativa dei mercati, con un aumento dello spread e un calo della Borsa, fa seguito al ritiro del sostegno del Pdl al governo la settimana scorsa.

SE MONTI DIVENTA "UN ALTRO GENERALE"

"Per noi non è un problema se Monti decide di partecipare sotto qualsiasi forma alle elezioni - dice a Reuters Matteo Orfini, giovane dirigente del Pd voluto in segreteria proprio da Bersani - abbiamo messo in campo un impianto che non subisce danni da quello che fanno gli altri".   Continua...

 
Il leader del Pd Pierluigi Bersani. REUTERS/ Stringer