Italia, Van Rompuy: non ha alternative a politiche Monti

lunedì 10 dicembre 2012 12:30
 

OSLO (Reuters) - Mario Monti è stato un "grande" presidente del Consiglio dell'Italia e chiunque gli succeda dovrebbe portare avanti le stesse politiche di consolidamento del bilancio, secondo il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy.

"Non intervengo sulla politica in Italia, posso solo dire che Mario Monti ha fatto un gran lavoro come premier. Ha riportato fiducia nell'Italia e l'Italia è un giocatore chiave nella zona euro e Monti è stato di grande aiuto nel mantenimento della stabilità della zona euro", ha detto Van Rompuy a margine della cerimonia di assegnazione del premio Nobel della Pace all'Unione europea in corso a Oslo.

"Monti è stato un grande primo ministro per l'Italia e spero che le sue politiche siano portate avanti anche dopo le elezioni. Non c'è alternativa per avere una solida finanza pubblica e una economia competitiva. Sono le uniche strade per combattere la recessione e la disoccupazione" ha detto. "Non c'è alternativa a ciò che sta facendo Monti".

E un monito ad andare avanti con la politica del rigore quale che sia l'esito delle prossime elezioni politiche arriva anche dal presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso.

"L'Italia ha compiuto uno sforzo enorme per la correzione degli squilibri di bilancio e in termini di riforme strutturali. Quali che siano gli sviluppi della sua democrazia non ci sono soluzioni magiche, tale percorso deve essere portato avanti...l'Italia non è ancora fuori dai problemi. Le prospettive restano negative nonostante gli importanti risultati di quest'anno...Spero che la democrazia italiana non metta in discussione tali importati risultati", ha detto Barroso in una intervista a Reuters.

"E' cruciale non utilizzare il dibattito politico interno per mettere a rischio il cammino delle riforme indispensabile per l'Italia e anche per l'Unione europea nel suo insieme. Abbiamo bisogno di una Italia stabile e solida al centro dell'Europa", ha aggiunto.

Dopo che il Pdl si è sfilato dalla maggioranza che sostiene il governo tecnico, Monti ha annunciato che dopo l'approvazione della legge di Stabilità arriveranno le sue dimissioni formali.

Il voto potrebbe essere a fine febbraio.

Lo spread Btp/Bund è salito oltre i 360 punti, al massimo da un mese, dopo un'apertura a 349 punti base e dai 325 della chiusura di venerdì.

(Luke Baker, Balazs Koranyi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy. REUTERS/Sebastien Pirlet