Quale sarà il futuro politico di Mario Monti?

lunedì 10 dicembre 2012 12:27
 

ROMA (Reuters) - Il presidente dimissionario Mario Monti sta riflettendo se proseguire nel suo impegno politico entrando in prima persona nella contesa elettorale o accettando di sostenere una delle forze in campo. Alle 10,20 la borsa di Milano perde il 3% con i titolo bancari in calo tra il 5% e 6% e lo spread a 355 pb. Ecco i commenti raccolti oggi tra politici, economisti ed opinion maker.

GIOVANNI SARTORI, politologo ed editorialista

"Se il tasso di interesse (sui titoli a 10 anni) torna ai massimi visti in passato (7,3%) è molto probabile che a Monti venga chiesto con insistenza e lui accetti di presentarsi alle politiche".

"Berlusconi pensava di avere più tempo, almeno fino a marzo, per prepararsi al voto e pensava nel frattempo di logorare Monti. Ma il presidente del Consiglio ha preso in contropiede Berlusconi annunciando le dimissioni immediate dopo l'approvazione della finanziaria. Entrambi hanno lanciato un sasso nello stagno e saranno i mercati a decidere. Se lo spread schizza Berlusconi è bruciato".

LUCA CORDERO MONTEZEMOLO, presidente Ferrari (Repubblica)

"Non si tratta di fare il Terzo polo. Si tratta di non disperdere il patrimonio di governabilità interna e di affidabilità internazionale costruito da Monti in questo anno a Palazzo Chigi. E proprio per questo è fuori discussione che se il Professore decidesse di candidarsi, la leadership sarebbe sua"

ENRICO LETTA, vice segretario del Pd (Repubblica)

"Monti ha dimostrato grande saggezza nelle scelte politiche e penso che farà lo stesso anche in questo frangente. Aspettiamo e vediamo. Non penso che tornerà alla Bocconi e sarebbe negativo se lo facesse. In questo anno Monti e Bersani si sono intesi bene, sono certo che troveranno la soluzione migliore"

PIERLUIGI BERSANI, segretario Pd (Repubblica)   Continua...

 
Un momento dello spoglio elettorale delle elezioni regionali di ottobre. REUTERS/Massimo Barbanera