Incandidabilità, salta Consiglio ministri domani

martedì 4 dicembre 2012 17:58
 

ROMA (Reuters) - E' slittata la convocazione per domani del Consiglio dei ministri che avrebbe dovuto esaminare il decreto legislativo sull'incandidabilità a cariche elettive o di governo dei condannati per tangenti.

Lo riferisce una fonte governativa.

Secondo una fonte politica lo slittamento sarebbe dovuto alla contrarietà del Pdl al provvedimento.

Il provvedimento riguarda la non candidabilità - pena l'immediata decadenza - dei condannati in via definitiva per reati contro la pubblica amministrazione.

Il governo aveva spiegato a inizio novembre di non potere varare il decreto prima dell'entrata in vigore della legge anticorruzione.

L'obbiettivo dell'esecutivo è quello di varare "il decreto legislativo sull'incandidabilità in tempo utile perché sia efficace in vista delle prossime elezioni", avevano detto nei giorni scorsi in un comunicato congiunto i ministri di Interno, Giustizia e Funzione pubblica.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia