Ilva, legale azienda chiede a Procura applicazione decreto governo

martedì 4 dicembre 2012 17:50
 

BARI (Reuters) - Il legale dell'Ilva di Taranto ha presentato oggi al giudice per le indagini preliminari un'istanza per chiedere l'applicazione immediata del decreto legge sullo stabilimento siderurgico varato la scorsa settimana dal governo.

Lo ha riferito lo stesso avvocato, Egidio Albanese.

La richiesta è di dissequestrare, in base al dl, l'area a caldo dell'impianto - sequestrata dai magistrati a fine luglio nell'ambito di un'inchiesta su disastro ambientale - nonché il prodotto finito e semilavorato bloccato il mese scorso per una parallela inchiesta su corruzione.

L'avvocato ha anche rinunciato al ricorso al Riesame per non dare l'occasione alla Procura di Taranto di sollevare l'incostituzionalità del decreto legge governativo, intenzione già riferita nei giorni scorsi da una fonte giudiziaria.

Il Consiglio dei ministri ha approvato venerdì scorso un decreto che nomina un garante per il rispetto delle norme anti-inquinamento e revoca di fatto i provvedimenti di sequestro e confisca della magistratura.

Il sito tarantino, con 8,5 milioni di tonnellate di acciaio nel 2011, è il più grande impianto siderurgico europeo e garantisce 20.000 posti di lavoro.

In caso di violazioni l'azienda rischia multe fino al 10% del fatturato e nei casi più gravi l'amministrazione controllata e la perdita della proprietà da parte del Gruppo Riva.

Intanto, sempre oggi, i Verdi hanno annunciato di aver presentato una denuncia contro il decreto del governo alla Corte di Giustizia europea e alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Per il presidente Angelo Bonelli, il provvedimento rappresenta infatti un precedente pericoloso per altre vicende simili: "Il decreto salva-Ilva non solo ha introdotto la libertà d'inquinare a Taranto ma adesso la estende a tutti gli altri siti industriali italiani altamente inquinati".

In un'interrogazione parlamentare, invece, la senatrice radicale Elisabetta Zamparutti, ha chiesto al governo di accertare quale sia la solidità finanziaria dell'azienda e se abbia esposizioni debitorie pregresse.

(Massimiliano Di Giorgio) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Lo stabilimento siderurgico Ilva di Taranto in una foto del 4 agosto scorso. REUTERS/Yara Nardi