Pd, Renzi dice che resterà a Firenze a fare il sindaco

martedì 4 dicembre 2012 17:17
 

FIRENZE (Reuters) - Matteo Renzi, sconfitto alle primarie per il premier del centrosinistra domenica scorsa da Pier Luigi Bersani, conferma che non ha intenzione nel prossimo futuro di entrare in un ipotetico governo guidato dal segretario del Pd ma che intende rimanere a Firenze a fare il sindaco, mandato che scade nel 2014.

"Il mio futuro è qui, in questo ruolo. Io faccio il sindaco e cerco di farlo bene. Interrompiamo le chiacchiere sulla politica romana", ha risposto Renzi ai cronisti, a margine dei lavori per la costruzione del nuovo teatro dell'opera fiorentino.

Il sindaco del capoluogo toscano ha aggiunto che "naturalmente spero che il centrosinistra non perda la grinta che ha avuto in questi tre mesi. Tutti noi dovremo dare una mano perché questo accada senza continuare con le solite discussioni ticket-non ticket, ministero-non ministero, Parlamento-non Parlamento".

Bersani ha vinto il ballottaggio con oltre il 60% dei voti. Renzi ha conquistato oltre un milione di consensi superando il 39%. Molti osservatori si stanno interrogando se il segretario del Pd proporrà al suo sfidante di entrare nella squadra dei possibili ministri.

Ieri, rispondendo alla domanda sul tema, Bersani si è limitato a notare che Renzi già fa parte dello "squadrone" del Pd.

Oggi Renzi è tornato anche a ripetere la sua valutazione sull'esito del voto alle primarie: "Mi sarebbe piaciuto provare a cambiare l'Italia, ci abbiamo provato e abbiamo la coscienza a posto. Nel momento in cui gli italiani che sono andati ai gazebo hanno scelto un altro progetto uno lascia a chi ha vinto il compito di gestire la partita. Non tocca più a me".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il sindaco di Firenze Matteo Renzi in una foto del 29 ottobre scorso scattata a Milano. REUTERS/Stefano Rellandini