Siria, fermo accesso aeroporto Damasco, no voli 2 compagnie

giovedì 29 novembre 2012 19:54
 

BEIRUT (Reuters) - Nuovi scontri tra ribelli siriani e forze fedeli al presidente Bashar al-Assad alle porte di Damasco hanno provocato la chiusura della principale strada di accesso all'aeroporto mentre la compagnia aerea Emirates [EMIRA.UL], che ha sede a Dubai, ha sospeso i voli da e per la capitale siriana "fino a nuove comunicazioni" ed EgyptAir [EGY.UL] Ha fatto altrettanto con il volo di domani a causa del "peggioramento della situazione" nella zona dello scalo.

Un guerrigliero che si è identificato come Abu Omar, un membro della brigata Jund Allah, ha detto a Reuters che i ribelli hanno sparato colpi di mortaio sulle piste dell'aeroporto e stavano bloccando la strada che collega la capitale allo scalo. Il miliziano ha detto che i ribelli non sono all'interno dell'aeroporto ma sono in grado di bloccare l'accesso da e per lo scalo.

Poco prima due soldati austriaci in missione di peacekeeping dell'Onu sono rimasti feriti quando il convoglio su cui viaggivano è stato colpito da colpi d'arma da fuoco vicino all'aeroporto di Damasco, secondo quanto riferito dal ministero della Difesa di vienna.

Intanto gli abitanti di Damasco riferiscono che in città le connessioni Internet sono fuori uso mentre le linee telefoniche funzionano a singhiozzo, in quello che descrivono come il peggior guasto alle comunicazioni dall'inizio dei disordini.

Dal Cairo un funzionario dell'aeroporto, che ha chiesto di non essere identificato, ha spiegato che EgyptAir nelle prossime ore terrà una riunione di emergenza con funzionari egiziani per discutere della sospensione di tutti voli tra Egitto e Siria.

Nella capitale siriana aerei da guerra hanno bombardato Kafr Souseh e Daraya, due zone vicine al centro, dove i ribelli hanno attaccato unità dell'esercito, come riferito da attivisti dell'opposizione.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Un'immagine dell'aeroporto di Damasco. REUTERS/Khaled al-Hariri