Siria, oltre 40.000 morti nel conflitto, dice Osservatorio diritti umani

venerdì 23 novembre 2012 19:30
 

BEIRUT (Reuters) - Sono oltre 40.000 le persone uccise in Siria in 20 mesi di conflitto tra le forze del presidente Bashar al-Assad e i suoi oppositori, ha reso noto oggi l'Osservatorio siriano per i diritti umani.

Rami Abdelrahman, responsabile dell'Oservatorio, ha detto che circa la metà delle vittime sono civili, mentre l'altra metà comprende quasi nella stessa misura ribelli e militari.

"Il dato è probabilmente molto più alto, dato che i ribelli e il governo mentono sulle rispettive vittime per mostrarsi come vincitori", ha detto Abdelrahman a Reuters.

L'Osservatorio, che ha sede a Lodndra e sostiene l'opposizione al regime di Assad, sta raccogliendo i dati sulle violenze e i nomi delle vittime dal marzo 2011, quando le forze di sicurezza siriane hanno aperto per la prima volta il fuoco sui manifestanti. Da allora, è cominciata una vera e propria guerra civile, che ha visto disertori dell'esercito e civili prendere le armi contro il governo.

Abdelrahman ha detto che vengono registrati solo i decessi confermati da amici e parenti.

(Oliver Holmes)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Siria, i funerali di tre attivisti dell'opposizione ieri a Yabroud, vicino a Damasco. REUTERS/Shaam News Network/Handout