Pdl, dopo scontro Berlusconi-Alfano, domani rivede data e modello primarie

mercoledì 21 novembre 2012 19:27
 

ROMA (Reuters) - Domani il Pdl si riunirà per stabilire una nuova data e un nuovo modello per le sue primarie, inizialmente convocate per il 16 dicembre e sul modello americano (votazioni locali per eleggere delegati che poi eleggono il vincitore).

Questo quanto dice il segretario Angelino Alfano in una nota dopo il lungo incontro avuto oggi dall'ora di pranzo al tardo pomeriggio con Silvio Berlusconi a palazzo Grazioli.

"Alla luce del fatto nuovo rappresentato dalla possibilità delle elezioni anticipate e accorpate, il calendario delle elezioni primarie, inizialmente deciso dall'Ufficio di Presidenza del partito (con voto sequenziale ispirato al modello americano), diviene impraticabile, come ho già pubblicamente osservato in questi ultimi giorni", scrive Alfano nella nota.

"Su tutto questo, ho convocato per domani i coordinatori regionali e provinciali del partito, per un confronto sulle questioni organizzative e sulla data di svolgimento delle primarie", conclude Alfano.

Fonti politiche parlano di una riunione particolarmente animata oggi tra i due con Berlusconi che avrebbe inizialmente detto che le primarie erano una strada impraticabile per poi proporre di riconvocarle in nuova data e con nuove regole.

Alfano invece ha cercato di insistere sulla necessità di non tornare indietro sulla decisione di tenere le primarie, accondiscendendo alla fine sullo spostamento della data e sulla formula.

Secondo le stesse fonti le primarie del Pdl potrebbero ora tenersi il 13 gennaio, secondo quanto scrive il sito blog, specializzato sul centrodestra, Nota Politica di Pietro Salvatori.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia