Sequestro Spinelli, capobanda Leone non risponde al gip

mercoledì 21 novembre 2012 14:53
 

MILANO (Reuters) - Francesco Leone, ritenuto il capo della banda che il mese scorso ha rapito in un sequestro lampo il ragioniere Giuseppe Spinelli - uomo di fiducia di Silvio Berlusconi - si è avvalso oggi della facoltà di non rispondere davanti al gip Paola Di Lorenzo.

Lo riferiscono fonti legali.

Leone è stato arrestato nei giorni scorsi insieme ad altri due italiani e tre albanesi per il rapimento durato alcune ore di Spinelli e della moglie, avvenuto nella notte tra il 15 e 16 ottobre scorso.

In giornata dovrebbero essere sentiti anche gli altri arrestati.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, che hanno iscritto nel registro degli indagati anche altre persone ritenute potenziali complici, i malviventi sostenevano di essere in possesso di documenti in grado di ribaltare, a favore di Berlusconi, la sentenza di appello del processo sul Lodo Mondadori, in cambio di 35 milioni di euro, e intendevano avvalersi della coppia come intermediari per mettersi in contatto con l'ex premier.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

I

 
Giuseppe Spinelli, stretto collaboratore dell'ex premier Silvio Berlusconi mentre lascia il tribunale di Milano.