Siria, forze Assad intensificano bombardamenti su sobborghi Damasco

lunedì 19 novembre 2012 15:51
 

AMMAN (Reuters) - Le forze governative siriane hanno sparato oggi razzi sulla zona meridionale di Damasco, in quello che secondo gli attivisti è un bombardamento indiscriminato per impedire che i ribelli avanzino dai quartieri popolari della periferia verso il centro della capitale.

Secondo gli attivisti si tratta del bombardamento più pesante in 40 giorni di attacchi aerei e lanci di artiglieria contro i quartieri sunniti.

Ieri i caccia hanno colpito quelli che sembravano obiettivi specifici dei ribelli. Oggi i lanciarazzi stanno provocando soltanto una distruzione immensa, sparando a casaccio", ha detto Rami al-Sayyed del Syrian Media Centre, un'organizzazione di oppositori del presidente Bashar al-Assad che sta monitorando la repressione contro la rivolta scoppiata ormai 20 mesi fa.

Gli attivisti dicono che razzi e bombe sono caduti sui quartieri di Hajar al-Aswad, al-Tadamun, e al-Qadam, da dove la popolazione è in gran parte fuggita dopo che le aree sono finite sotto il controllo dei ribelli dell'Esercito libero siriano.

Secondo gli stessi ribelli, il governo di Assad avrebbe cominciato a ritirare truppe da alcune province per difendere la capitale.

Intanto, oggi, la Turchia dovrebbe richiedere il dispiegamento di missili Nato sul suo confine con la Siria, per difendersi dai ripetuti colpi di mortaio che hanno colpito il suo territorio negli ultimi tempi. Lo ha detto il ministro della Difesa tedesco.

Solo Usa, Olanda e Germania hanno la disponibilità del sistema Patriot. Berlino analizzerà una simile richiesta "con solidarietà", ha detto il ministro della Difesa tedesco Thomas de Maiziere

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Guerriglieri dell'Esrcito siriano libero durante una manifestazione di protesta contro il presidente Bashar al-Assad, a Houla vicino a Homs. REUTERS/Misra Al-Misri/Shaam News Network/Handout