Storica visita di Obama in Birmania tra plauso a governo e pressioni

lunedì 19 novembre 2012 11:29
 

YANGON (Reuters) - Barack Obama è diventato il primo presidente Usa ad essersi recato in visita ufficiale in Birmania, cercando oggi a Yangon di barcamenarsi tra il plauso ai progressi fatti dal governo nel liberarsi della giunta militare e il pressing per ulteriori riforme.

Obama, salutato da una folla entusiasta, ha incontrato il presidente Thein Sein, ex membro della giunta militare che ha dato il via ad una serie di riforme da quando è entrato in carica nel marzo 2011, e la leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi.

La visita di Obama intende sottolineare quello che la Casa bianca ha definito un successo in politica estera - spingere i militari a dare il via al cambiamento nel Paese con sviluppi sorprendentemente rapidi nell'ultimo anno.

"Ho condiviso con lui il fatto che si tratta solo del primo passo di quello che sarà un lungo viaggio", ha detto Obama ai giornalisti, con Thein Sein al suo fianco, dopo un colloquio con il leader birmano.

"Ma che pensiamo che il processo democratico e le riforme economiche iniziate qui in Birmania dal presidente possano condurre ad incredibili opportunità", ha aggiunto Obama.

Il presidente Usa ha poi incontrato il Nobel per la pace Suu Kyi, che ha lottato per anni contro la giunta militare ed ora è una parlamentare, nella casa sul lago dove la donna è stata agli arresti per anni. Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente Usa Barack Obama è la leader dell'opposizione democratica birmana e premio Nobel per la pace Aung Suu Kyi a Yangon. REUTERS/Soe Zeya Tun