Napolitano: Regionali 10 marzo, apertura condizionata a election day

venerdì 16 novembre 2012 20:33
 

ROMA (Reuters) - Giorgio Napolitano ritiene appropriato che le elezioni regionali in Lombardia, Lazio e Molise si tengano il 10 marzo 2013. Il Capo dello Stato non indica invece una data per le politiche ma spiega che le difficoltà attuali sconsigliano un "affannoso succedersi di prove elettorali".

In una nota diffusa al termine di un incontro al Quirinale con il premier Mario Monti e i presidenti di Camera e Senato, Napolitano ha precisato che resta prioritaria, prima di ritornare alle urne, l'approvazione della legge di stabilità e di una nuova legge elettorale.

Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, pochi minuti dopo la nota del Colle, si dice soddisfatto perché convinto che apra la strada all'election day, ovvero ad un anticipo della fine della legislatura e all'accorpamento delle elezioni politiche con le Regionali a marzo.

"E' indubbia, per valutazioni d'interesse generale, l'esigenza di un contestuale svolgimento delle elezioni nelle tre suddette Regioni. Si è a tale proposito ritenuta appropriata la data del 10 marzo 2013", dice Napolitano.

Ma sulla data delle elezioni politiche "si attende il verificarsi delle condizioni opportune per la decisione che la Costituzione riserva al Capo dello Stato".

"Adempimenti prioritari e ineludibili nel corso delle prossime settimane appaiono l'approvazione finale in Parlamento della legge di stabilità e quindi quella della legge di bilancio per il 2013" ed è "altamente auspicabile la conclusione - invano a più riprese sollecitata dal Presidente della Repubblica - del confronto in atto da molti mesi per una riforma della legge elettorale", scrive il Capo dello Stato.

Soddisfatto Alfano che scrive in tweet: "Ok comunicato Quirinale. Si va verso l'election day, prevale buonsenso, prevalgono nostre buone ragioni. Risparmiati 100 milioni".

La notizia dell'incontro al Quirinale con Monti, e i presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, è stata anticipata stamani dall'ex premier Silvio Berlusconi secondo il quale la riunione sarà dedicata alla discussione su quando tenere le elezioni.

Berlusconi ha parlato oggi dopo le polemiche tra centrodestra e centrosinistra sulla possibilità di unificare la data delle Regionali in Lombardia, Lazio e Molise con quella delle politiche previste per la prossima primavera, plausibilmente in aprile.   Continua...

 
Una immagine di archivio di Giorgio Napolitano. REUTERS/Srdjan Zivulovic