Governo, Casini vuole nuova legge subito e voto a febbraio

giovedì 15 novembre 2012 16:28
 

di Massimiliano Di Giorgio

ROMA (Reuters) - Mentre sul Consiglio dei ministri di domani pende l'ultimatum del segretario del Pdl Angelino Alfano - che non vuole le elezioni anticipate per tre regioni ma l'election day con le politiche - oggi il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini ha detto che è meglio modificare subito la legge elettorale e votare a fine febbraio.

Da oggi, intanto, comincia il percorso in aula alla Camera della Legge di Stabilità, l'ultimo importante provvedimento del governo tecnico guidato da Mario Monti, su cui comunque il Pdl ha assicurato il voto favorevole.

"Credo che fare la legge elettorale e andare al più presto alle elezioni sia meglio per tutti. Fare la legge elettorale non è impossibile", ha detto Casini, parlando di un voto a "fine febbraio", nel corso di una rara riunione pubblica dei segretari dei tre partiti di maggioranza, una tavola rotonda all'assemblea nazionale degli artigiani del Cna con Alfano e il Pd Pier Luigi Bersani.

"Una campagna elettorale che dura quattro-cinque mesi non serve a nessuno", aveva detto Casini arrivando all'assemblea. "Mi sembra che con i problemi e con la tensione sociale che è visibile, una campagna elettorale che duri due mesi sia meglio di una che paralizza tutti".

"Dobbiamo trovare una soluzione assieme, non dobbiamo dare prova di infantilismo politico", aveva aggiunto il leader centrista riferendosi alla polemica tra i leader di Pd e Pdl.

LA DISFIDA PDL-PD

Alfano è contrario a due voti separati per le regionali in Lazio, Lombardia e Molise - fissate il 10 e 11 febbraio - e le politiche in aprile, e sostiene che in questo modo si spenderebbero inutilmente 100 milioni di euro.

Secondo alcuni osservatori il timore del partito di Silvio Berlusconi, oggi valutato tra il 15 e il 18% dai sondaggi e secondo o terzo dopo il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, è che un doppio passaggio elettorale a distanza ravvicinata potrebbe fargli perdere ancora più consensi.   Continua...

 
Il leader dell'Udc, Pierferdinando Casini. REUTERS/Tony Gentile