Svezia, guardia uccisa da propria arma in residenza premier

venerdì 9 novembre 2012 19:17
 

STOCCOLMA (Reuters) - Una guardia della sicurezza della residenza del primo ministro svedese Fredrik Reinfeldt a Stoccolma è rimasta uccisa da un proiettile sparato dalla sua pistola, in quello che la polizia ha definito un possibile suicidio o un incidente.

Un portavoce del governo ha spiegato che Reinfeldt e la sua famiglia stanno bene e non erano nell'edificio al momento dell'accaduto.

"Possiamo confermare che una guardia della sicurezza è stata trovata morta per una ferita da proiettile proveniente, visti gli accertamenti, dalla sua arma di servizio", ha detto un portavoce della polizia, aggiungendo che le indagini puntano a verificare se si sia trattato di un suicidio o di un incidente legato al lavoro.

"Già allo stadio iniziale non ci sono segnali che si sia trattato di un crimine. I nostri investigatori sono al lavoro e non hanno trovato nulla che indichi che altre persone siano coinvolte", ha aggiunto.

La vittima non faceva parte delle guardie del corpo del primo ministro, ma aveva le necessarie autorizzazioni per stare all'interno dell'edificio.

La polizia non ha ancora risolto l'omicidio del 1986 del primo ministro Olof Palme, ucciso mentre stava rientrando a casa con la moglie dal cinema.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Poliziotti fuori da Sagerska Palace, residenza ufficiale del primo ministro svedese Fredrik Reinfeldt, Stoccolma, 9 novembre 2012. REUTERS/Bertil Enevag Ericson/Scanpix Sweden