Governo, Renzi: dopo tecnici servono competenti, non solite facce

venerdì 9 novembre 2012 12:42
 

ROMA (Reuters) - Il prossimo governo, anche se non sarà tecnico, dovrà comunque esser fatto di persone competenti, escludendo il ritorno dei "soliti noti" tra gli esponenti politici, ha detto oggi il sindaco di Firenze e candidato alle primarie del centrosinistra Matteo Renzi.

"Anche finita la fase dei tecnici (che in certi casi comunque si sono mostrati molto politici) l'Italia dovrà scegliere le competenze, non è che poi tornano i soliti noti con le solite facce", ha detto Renzi, che oggi a Roma ha presentato il "Comitato per la rivoluzione digitale che lo sostiene, composto da esperti di Reti e Internet.

"Se vinci non porti i più fedeli, ma i più bravi", ha detto ancora Renzi, che oggi, secondo un sondaggio Swg, è al secondo posto delle preferenze per le primarie, ma piuttosto distanziato dal leader del Pd Pier Luigi Bersani.

"Le primarie sono utili comunque", ha detto poi il sindaco rispondendo a una domanda dei giornalisti sul rischio che la riforma della legge elettorale che si sta profilando in Parlamento - che attribuisce un premio di maggioranza alla coalizione che raggiunge il 42,5% dei voti, una soglia giudicata molto alta dagli esperti - renda impossibile che alle prossime elezioni possa emergere un chiaro vincitore.

Secondo il Pd, la bozza di legge elettorale servirebbe a impedire la vittoria del centrosinistra e a favorire il varo di un nuovo governo Monti dopo il voto.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Matteo Renzi, candidato alle primarie del Pd. REUTERS/Giorgio Perottino