Pdl, Fini: Alfano chiarisca su Monti, si liberi da estremisti

venerdì 9 novembre 2012 11:37
 

ROMA (Reuters) - Per aprire una nuova pagina nel centrodestra il Pdl deve innanzitutto chiarire il suo rapporto con il governo Monti e liberarsi da esponenti estremisti, populisti e antieuropei.

E' quanto scrive in una nota il presidente della Camera Gianfranco Fini, dicendosi "lieto" se il partito continuerà anche dopo le elezioni la campagna di riforme intrapresa dall'attuale esecutivo guidato da Mario Monti.

"Il vero banco di prova per Alfano non è nella definizione delle regole per le Primarie, ma nel far chiarezza sul rapporto col Governo Monti e soprattutto sulla necessità per l'Italia di continuarne l'azione riformatrice anche dopo le elezioni", scrive Fini, attualmente leader del Fli (Futuro e libertà) dopo essere fuoriuscito dal Popolo della libertà.

Ieri, durante l'ufficio di presidenza del Pdl, si è consumato un duro e colorito scontro tra Angelino Alfano e Silvio Berlusconi circa la necessità o meno di svolgere le già annunciate primarie nel centrodestra, con il segretario che spinge per farle e l'ex premier, contrario, che alla fine ha ceduto.

"L'aspro confronto in corso nel Pdl va seguito con interesse per capire se emergerà una identità politica veramente in sintonia con il Ppe e quindi, in quanto tale, alternativa in termini programmatici alle sinistre e mille miglia lontana dalla demagogia estremista, populista e antieuropea di tanti esponenti del Pdl e della totalità della Lega", aggiunge Fini.

Il Pdl è alla ricerca di un candidato premier da presentare al voto in primavera, mentre i sondaggi danno il partito in netto calo di consensi. Nell'ultimo pubblicato oggi da Swg per Agorà il Pdl è dato al 14,7%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Il presidente della Camera e leader del Fli Gianfranco Fini. REUTERS/Tony Gentile