Draghi vede crescita ancora debole, ma migliora fiducia mercati con intervento Bce

giovedì 8 novembre 2012 16:06
 

FRANCOFORTE (Reuters) - Il presidente della Bce Mario Draghi ha detto oggi, al termine della riunione del board che ha lasciato invariati i tassi d'interesse, di prevedere che la crescita economica nella zona euro rimarrà debole, anche se la fiducia dei mercati è migliorata dopo il varo del programma di acquisto di titoli sovrani da parte dell'istituto centrale.

I dati macroeconomici indicano che nella seconda parte del 2012 l'economia rimane debole e pertanto ci sono rischi sulla crescita al ribasso.

Sul fronte dell'inflazione, la Bce monitorerà con attenzione gli sviluppi di costi e prezzi, ha aggiunto Draghi. L'inflazione nella zona euro dovrebbe rimanere oltre il 2% fino a fine anno, per scendere nel corso del 2013. Draghi ha detto di vedere rischi sui prezzi sostanzialmente bilanciati.

Il piano di intervento della Banca centrale per acquistare titoli di paesi sovrani sul mercato secondario (Omt), sia pure subordinato ad una serie di condizioni, è servito ad alleviare le tensioni nelle ultime settimane e ha ridotto i timori di forze distruttive.

Dopo l'annuncio dell'Omt si sono verificati una serie di miglioramenti sul mercato, ha detto Draghi.

 
Il presidente della Bce, Mario Draghi, durante la conferenza stampa al termine del board della banca centrale. Francoforte, 8 novembre 2012. REUTERS/Lisi Niesner