Usa, una settimana dopo Sandy New York torna lentamente alla vita

lunedì 5 novembre 2012 17:20
 

NEW YORK (Reuters) - Una settimana dopo che l'uragano Sandy si è abbattuto su New York e sulla zona circostante, la maggior parte delle scuole oggi ha riaperto i battenti e milioni di pendolari hanno ricominciato ad usare la metropolitana, gli autobus e altri mezzi di trasporto nel tentativo di tornare al lavoro.

Le condizioni di vita restano difficili per decine di migliaia di persone che non possono rientrare nelle proprie case e per i circa 2 milioni di abitanti della regione che hanno trascorso un'altra notte con temperature molto basse senza elettricità né riscaldamento.

Come se non bastasse sulla zona minaccia di abbattersi un'altra tempesta: a metà settimana è prevista una perturbazione che farà abbassare ulteriormente le temperature portando pioggia e vento.

Sandy ha provocato la morte di 69 persone nei Caraibi prima di dirigersi a Nord e abbattersi la scorsa settimana sulla costa orientale, con venti da 130 chilometri orari. Il bilancio delle vittime per gli Stati Uniti è di almeno 113.

Non mancano inoltre i timori che gli elettori colpiti dall'uragano possano avere difficoltà nel recarsi alle urne per le presidenziali di domani.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia