Naufragio Giglio, per ora rischio inquinamento "prossimo a zero"

martedì 17 gennaio 2012 13:18
 

ROMA (Reuters) - Sarà completata oggi all'Isola del Giglio la posa delle barriere anti-inquinamento intorno alla Concordia, la nave da crociera naufragata venerdì sera con un bilancio che attualmente conta sei morti e 29 dispersi, anche se il capo della "flotta" del ministero dell'Ambiente dice che il rischio di perdita di carburante è "prossimo alla zero".

"Stiamo aspettando che terminino di far brillare l'ultima carica (per aprire un varco nella nave alla ricerca di superstiti), poi ci daranno l'ok a operare", ha detto a Reuters Lorenzo Barone, un esperto di ecologia marina che coordina la flotta di Castalia Ecolmar S.C.p.A, la società specializzata nelle operazioni anti-inquinamento e nelle bonifiche che è in pratica il "braccio operativo" del ministero.

Ieri i tecnici di Castalia hanno posizionato 380 metri di galleggianti tra nave e costa. Oggi ne poseranno altri 400 metri intorno, lasciando due varchi, a prua e a poppa, per le squadre di soccorso, ha detto Barone.

Per l'esperto, il rischio di inquinamento delle acque del Giglio per il momento è "prossimo allo zero... Non c'è stato nessun segnale che possa far presupporre che ci siano perdite di carburante".

Ieri era scattato l'allarme per l'avvistamento di alcune chiazze, ed erano state posate barriere di contenimento e assorbimento tra la nave e la costa. Ma per Barone si è trattato di una perdita "realmente limitata... magari dovuta a qualche apparato motore sporco o anche a tutte le imbarcazioni che al momento stanno facendo l'attività di soccorso-salvataggio".

Intanto, i tecnici olandesi della Smit - la società incaricata del recupero del carburante, coadiuvati dagli italiani della livornese Neri - si stanno preparando a pompare fuori dalla nave le 2.000 tonnellate di "olio pesante" e le circa 200 tonnellate di diesel.

Per Barone, l'operazione di travaso comincerà tra un paio di giorni almeno. "Ritengo che trascorreranno almeno un paio di giorni abbondanti... domani deve essere installato un 'pontone' che arriva da Livorno".

Le condizioni meteo, ha detto l'esperto, "dovrebbero lievemente peggiorare", ma non al punto da dover sospendere i lavori. E la flotta del ministero si prepara a rafforzare la propria presenza per assistere i tecnici, ha detto Barone.

(Massimiliano Di Giorgio)

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una squadra di soccorso si avvicina alla Costa Concordia, naufragata venerd&igrave; 13 gennaio davanti all'Isola del Giglio. REUTERS/Max Rossi</p>